Accedi ai corsi

I nostri articoli su
Ambiente

Nuovo Addendum alle norme ISO 9001, ISO 14001 e ISO 45001

Nuovo Addendum alle norme ISO 9001, ISO 14001 e ISO 45001

L'Addendum Amd 1:2024 alle norme ISO 9001, 14001 e ISO 45001 ha apportato modifiche significative ai paragrafi 4.1 e 4.2 introducendo la valutazione e la gestione del CAMBIAMENTO CLIMATICO come parte integrante dei sistemi di gestione aziendale.
Agenda 2030: Obiettivi per lo sviluppo sostenibile e standard ISO

Agenda 2030: Obiettivi per lo sviluppo sostenibile e standard ISO

Esiste una grande compatibilità tra gli obiettivi dell'Agenda 2030 e gli standard ISO. Un corso di formazione per Auditor e Lead Auditor rappresenta sicuramente un'ottima opportunità per approfondire i temi di ciascun obiettivo e comprendere le azioni da attuare per raggiungerlo.
Auditor ISO 14001:2015 - guida alla scelta del corso

Auditor ISO 14001:2015 - guida alla scelta del corso

Rappresenta una guida per scegliere il corso per Lead Auditor e/ Auditor interno più adatto alle proprie esigenze professionali, seguendo 4 semplici step.
La nuova ISO 14001:2015: le principali novità

La nuova ISO 14001:2015: le principali novità

Le novità nella nuova ISO 14001:2015 riguardano: 1) la conformità della norma alla “High Level Structure for Management System Standards”; 2) le raccomandazioni contenute nel Rapporto TC207/SC “Future Challenges for EMS"; 3) il mantenimento e il miglioramento dei principi alla base della ISO 14001:2004 e dei relativi requisiti.
L'Auditor dei sistemi di gestione ambientale (ISO 14001): chi è e cosa fa

L'Auditor dei sistemi di gestione ambientale (ISO 14001): chi è e cosa fa

L'Auditor dei sistemi di gestione ambientale è una figura professionale esperta in tema di ambiente, sia dal punto di vista della normativa sia dal punto di vista tecnico, biologico ed eco-sistemico che, sulla scorta delle proprie competenze, deve valutare la conformità dei sistemi di gestione ambientale alla norma UNI EN ISO 14001.
Scopo di un sistema di gestione ambientale ISO 14001

Scopo di un sistema di gestione ambientale ISO 14001

Lo scopo di un sistema di gestione ambientale è quello che consente alle aziende di svolgere la attività produttive proteggendo l'ambiente e rispettando le differenti criticità che si presentano in differenti contesti socio-economici (pur svolgendo attività simili).
Sistema di gestione ambientale ISO 14001 - Definizione

Sistema di gestione ambientale ISO 14001 - Definizione

Un sistema di gestione ambientale è un metodo sistematico utile alle organizzazioni per tenere sotto controllo le proprie responsabilità e prestazioni ambientali e viene sviluppato nel rispetto della politica ambientale aziendale e della legislazione di riferimento.
Il contesto dell'organizzazione

Il contesto dell'organizzazione

L’analisi e valutazione del contesto dell’organizzazione aiuta le organizzazioni a valutare i punti di forza e di debolezza. Le aiuta, anche, a valutare i requisiti obbligatori applicabili ed i fattori sterni ed interni. Entrambi possono influenzare positivamente o negativamente i piani strategici di un’organizzazione.
Il RENTRI: registro elettronico nazionale tracciabilità rifiuti

Il RENTRI: registro elettronico nazionale tracciabilità rifiuti

Il Rentri è un nuovo sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti e, in particolare, indica un Registro Elettronico Nazionale Tracciabilità Rifiuti. Sarà gestito presso la competente struttura organizzativa dal Ministero della Transizione Ecologica e verrà supportato tecnicamente dall'Albo Nazionale Gestori Ambientali.
La relazione di riferimento AIA

La relazione di riferimento AIA

 La relazione consente di confrontare l’eventuale stato di contaminazione iniziale con quello successivo alla fine dell’attività produttiva. Consente, anche, di adottare le misure di ripristino adeguate, nel caso ci sia un peggioramento delle condizioni ambientali. Deve, pertanto, essere allegata all’ istanza AIA nel caso in cui l’attività industriale utilizzi, produca o scarichi sostanze pericolose, con il rischio di contaminare il suolo e le acque sotterranee.
Gli adempimenti aziendali in materia di AIA

Gli adempimenti aziendali in materia di AIA

Gli adempimenti aziendali in materia di AIA sono molteplici. Variano a seconda della tipologia di domanda da presentare e delle diverse autorità chiamate a pronunciarsi nel processo decisorio. l'AIA ha ad oggetto la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento proveniente dalle attività industriali.
Lo smaltimento dei liquami

Lo smaltimento dei liquami

Lo smaltimento dei liquami è diverso a seconda che i liquami siano presenti nelle reti fognarie o siano raccolti nei pozzi neri. Diversa è la loro disciplina e il conseguente apparato sanzionatorio. Il discrimen tra scarichi e rifiuti liquidi  riguarda la diretta o indiretta convogliabilità del refluo.
Il confine tra acque di scarico e rifiuti liquidi

Il confine tra acque di scarico e rifiuti liquidi

La differenza tra queste due definizioni non riguarda la natura inquinante o meno delle acque reflue, ma  la vera discriminante è il modo in cui avviene lo smaltimento dei reflui. Il confine tra acque di scarico  e rifiuti liquidi è molto sottile. Unico criterio di discrimine è la tipologia di  collegamento tra la fonte di produzione del refluo e il corpo ricettore. 
Le autorizzazioni allo scarico idrico

Le autorizzazioni allo scarico idrico

L’art. 124 d.lgs 152 del 2006 s.m.i. prevede che “tutti gli scarichi devono essere preventivamente autorizzati”. L’autorizzazione deve essere espressa e specifica, nel senso che la stessa deve contenere tutte le prescrizioni tecniche idonee a realizzare la tutela dall’inquinamento idrico.
La politica ambientale e il codice etico aziendale

La politica ambientale e il codice etico aziendale

La politica ambientale ha natura strategica e obiettivi generali di orientamento e di indirizzo. Non è integralmente sovrapponibile né assimilabile al Codice Etico previsto dal D. Lgs. n. 231/2001. Per far sì che i due documenti siano realmente integrabili e compatibili è opportuno rivedere il documento di Politica Ambientale nell’ambito del SGA.
Terre e rocce da scavo - prima parte -

Terre e rocce da scavo - prima parte -

Il d.p.r. 13 giugno 2017 n. 120 reca la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo. Rappresenta il REGOLAMENTO NAZIONALE. delle terre e rocce da scavo.
Le terre e rocce da scavo - seconda parte -

Le terre e rocce da scavo - seconda parte -

Per essere qualificate come sottoprodotti, le terre e rocce da scavo devono rispondere ai criteri stabiliti dall’art. 184-bis del D.L.vo n. 152/2006, il cui rispetto è valutato con le modalità procedurali stabilite dall’art. 4 del nuovo Regolamento.
Le terre e rocce da scavo - terza parte -

Le terre e rocce da scavo - terza parte -

La gestione operativa delle terre e rocce da scavo comporta una serie di documenti e di prassi industriali che vedono coinvolte le autorità pubbliche e l'Arpa.
Gli aggiornamenti del testo unico ambientale

Gli aggiornamenti del testo unico ambientale

Dal 2006 ad oggi sono intervenuti numerosi correttivi ed integrazioni al testo unico ambientale, che hanno cambiato e/o modificato, anche solo parzialmente, alcune parti del testo.
Sistema di gestione ambientale UNI EN ISO 14001: qual è la sua utilità

Sistema di gestione ambientale UNI EN ISO 14001: qual è la sua utilità

La norma UNI EN ISO 14001:2015 è quella norma che contiene i requisiti da rispettare nell'implementazione ed attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale. La sua utilità principale, consiste nell'evitare sanzioni pecuniarie, incidenti ambientali e nel ridurre i consumi di risorse .
La classe di pericolo HP14 Eco Tossico

La classe di pericolo HP14 Eco Tossico

Ai sensi dell’allegato III alla direttiva 2008/98/CE, così come modificato dal Regolamento 2017/997/UE, è definito HP14 – Ecotossico un “Rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali”. Sono classificati come rifiuti pericolosi di tipo HP 14 i rifiuti che soddisfano una serie di condizioni.
Gli esperti ambientali

Gli esperti ambientali

Il 23 febbraio 2024, un importante sviluppo è avvenuto nell’ambito delle norme internazionali, con la pubblicazione da parte dell’International Organization for Standardization (ISO) dell’Addendum Amd 1:2024. Questo addendum ha apportato modifiche significative ai paragrafi 4.1 e 4.2 delle norme ISO 9001, ISO 14001 e ISO 45001, introducendo la valutazione e la gestione del CAMBIAMENTO CLIMATICO […]
Le emissioni in atmosfera - prima parte -

Le emissioni in atmosfera - prima parte -

Le emissioni in atmosfera devono essere conformi alla normativa vigente. Ogni impianto che produce emissioni in atmosfera deve essere preventivamente autorizzato dagli enti preposti e deve rispettare i valori limite imposti. Le principali norme di tutela dall’inquinamento atmosferico sono contenute nella parte V del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 e s.m.i..
Le emissioni in atmosfera: Fascia B - seconda parte -

Le emissioni in atmosfera: Fascia B - seconda parte -

Tute le aziende che rientrano all’interno della tabella alla parte II dell’allegato IV alla parte V del D. Lgs. 152/2006, dell’art. 272 comma 2, saranno soggetto alla presentazione della richiesta di autorizzazione in via generale.
Le emissioni in atmosfera: Fascia C e D - terza parte -

Le emissioni in atmosfera: Fascia C e D - terza parte -

Le attività che, non rientrando nelle categorie precedenti o per tipologia o per quantitativo di materie utilizzate, rientrano nella “fascia C” e sono soggette alla richiesta di autorizzazione emissioni in atmosfera in procedura ordinaria ai sensi dell’articolo 269 del DLgs 152/2006.
Il formulario di identificazione dei rifiuti

Il formulario di identificazione dei rifiuti

Il formulario di identificazione dei rifiuti è un documento che consente la tracciabilità del flusso di rifiuti nelle varie fasi del trasporto dal produttore al sito di destinazione. L’articolo 193 del D.lgs. 152/2006 che disciplina i FIR è stato modificato dal D.lgs. 116/2020 introducendo importanti novità.
Il responsabile tecnico: chi è e quando è obbligatorio

Il responsabile tecnico: chi è e quando è obbligatorio

Il responsabile tecnico ha il compito di assicurare la corretta organizzazione della gestione dei rifiuti da parte dell'impresa e deve far rispettare la normativa vigente, ossia il testo unico ambientale con le sue modifiche e integrazioni.