Accedi ai corsi

Il formulario di identificazione dei rifiuti

 

Il formulario di identificazione dei rifiuti rappresenta il documento più importante nel settore della gestione dei rifiuti. Coinvolge tutti gli attori della catena del trattamento dei rifiuti: i produttori, i trasportatori e infine i destinatari.

1. Che cos’è il formulario di identificazione dei rifiuti

Il formulario di identificazione dei rifiuti è un documento che consente la tracciabilità del flusso di rifiuti nelle varie fasi del trasporto dal produttore al sito di destinazione.

 Il Formulario è stato introdotto e regolato all’articolo 193 comma 1 del  Testo Unico Ambiente, D.Lgs. n.152/2006.

Lo regolamentava il D.M. n. 145 del 1/4/98, abrogato poi dal Decreto RENTRI, il DM 4 aprile 2023, n. 59 in vigore dal 15 giugno 2023, che ne detta la disciplina agli artt.5,6 e 7 e riporta all’allegato II il Modello di Formulario.

2. Chi deve fare il formulario dei rifiuti

Il FIR  è emesso dal produttore, o dal detentore dei rifiuti, in conformità al modello riportato nell’allegato II del D.Lgs. n.59/2023 ed è integrato e sottoscritto, per la parte di propria competenza, dagli operatori coinvolti nelle diverse fasi del trasporto.

Il formulario può essere emesso e compilato a cura del trasportatore, a seguito di richiesta del produttore o del detentore. [art.5 del D.Lgs. n.59/2023].

Per ulteriori approfondimenti, leggi l’articolo su Il RENTRI: registro elettronico nazionale tracciabilità rifiuti

 

3. Il FIR informato cartaceo

Il FIR cartaceo riguarda i produttori di rifiuti non iscritti al RENTRI

  • viene generato conformemente ai modelli di cui all’allegato II del Decreto RENTRI
  • è identificato da un codice univoco e da apposito contrassegno reso disponibile dal servizio di vidimazione digitale delle camere di commercio tramite apposita applicazione utilizzabile, previa registrazione, attraverso il RENTRI.
  • È stampato su moduli A4,
  • è riprodotto in due copie, compilate, datate e firmate dal produttore o detentore, sottoscritte dal trasportatore. Una copia rimane presso il produttore o il detentore, un’altra viene sottoscritta e datata in arrivo dal destinatario che rilascia una riproduzione al trasportatore. [art.6 del D.Lgs. n.59/2023]

 

Vuoi diventare Auditor/Lead Auditor dei sistemi di gestione ambientale ISO 14001:2015?

Nel nostro catalogo corsi puoi trovare un corso ISO 14001 in e-learning qualificato CEPAS con registro num. 251 e 253 e abilitante alla conduzione di audit di prima, seconda e terza parte.

Corso per Lead Auditor dei sistemi di gestione ambientale UNI EN ISO 14001:2015-IN ELEARNING

__

Articolo di: Marcella Spagnolo, aggiornato il 12 novembre 2023