Il RENTRI: registro elettronico nazionale tracciabilità rifiuti

Il RENTRI : che cos’è

Il DLGS 3 settembre 2020 n. 116, pubblicato sulla G.U. 11/09/2020 ed in vigore dal 26/09/2020, modifica la parte IV del DLGS 152/2006.

L’art.188-bis del D.Lgs. 152/2006, viene modificato dal D.Lgs. 116 del 2020 e annulla il SISTRI.
Nasce, così, un nuovo sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti che prende il nome di RENTRI (Registro Elettronico Nazionale Tracciabilità Rifiuti).

L’art. 188-bis del DLGS 152/2006, infatti,  stabilisce: ” il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti si compone delle procedure e degli strumenti che devono essere integrati nel nuovo sistema informativo RENTRI, gestito presso la competente struttura organizzativa dal Ministero della Transizione Ecologica e che tale struttura verrà supportata tecnicamente dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali, sulla base di modalità operative stabilite da una regolamentazione ministeriale”.

Il RENTRI sarà suddiviso in due sezioni:

  • La Sezione dell’Anagrafica degli iscritti,
  • La Sezione della Tracciabilità, che raccoglie i dati annotati nei registri e nei formulari.

I Decreti attuativi previsti definiranno:

1) modalità di organizzazione e funzionamento del Registro elettronico nazionale.

2) modalità di iscrizione dei soggetti obbligati e di coloro che intendano volontariamente aderirvi.

3) gli adempimenti cui i medesimi sono tenuti.

In attesa dei decreti attuativi del nuovo sistema R.E.N.T.Ri., continuano a trovare applicazione i decreti ministeriali precedenti (del 1° aprile 1998, n. 145 e n. 148) in materia di tenuta dei registri ci carico e scarico e di produzione dei formulari per l’identificazione dei rifiuti trasportati.

Entrata in vigore del RENTRI

Ufficialmente, a giugno  è stata avviata la sperimentazione che ha lo scopo di verificare la funzionalità e la fruibilità di alcune funzioni. Dunque, ad oggi l’unico modo per tracciare i rifiuti è il sistema cartaceo.

Quali sono i vantaggi 

I principali vantaggi  consentono di:

  •  trasmettere i dati da parte di tutti gli operatori (produttori, trasportatori, gestori dei rifiuti);
  • ottenere maggiore omogeneità e fruibilità dei dati;
  • ridurre gli oneri amministrativi e burocratici a carico delle imprese;
  • garantire l’omogeneità e la fruibilità dei dati;
  • consentire il miglioramento delle strategie di economia circolare;
  • modificare, infine, il sistema sanzionatorio.

Chi è obbligato al RENTRI

I soggetti obbligati sono:

1) ent, le imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti e i produttori di rifiuti pericolosi.

2) gli enti e le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale. Si aggiungono i commercianti e gli intermediari di rifiuti pericolosi.

 

VUOI DIVENTARE AUDITOR/LEAD AUDITOR DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001:2015?

Nel nostro catalogo corsi puoi trovare un corso ISO 14001 in e-learning qualificato CEPAS con registro num. 251 e 253 e, quindi, abilitante alla conduzione di audit di prima, seconda e terza parte.

Corso per Lead Auditor dei sistemi di gestione ambientale UNI EN ISO 14001 2015  – IN E-LEARNING

__

Articolo di: Marcella Spagnolo, aggiornato il 12 Dicembre 2021

 

Scopri tutti i Corsi on line.
Accedi alla tua formazione su
Qualità, Ambiente e Sicurezza,
comodamente da casa o dall’ufficio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER WE-LEARN

Subito per te un BONUS DI

50€*

da utilizzare nel tuo primo acquisto!

Inoltre ti invieremo in anteprima notizie e approfondimenti sugli standard ISO per essere sempre aggiornato e accrescere, giorno per giorno, le tue competenze.
*Il bonus non è cumulabile con altre offerte
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.
Trustpilot