Norma UNI ISO 45001:2018 e D. Lgs. 81/2008: un amore corrisposto

Non vi è nulla di male nel ripetere una buona cosa” lo diceva Platone!

In effetti, nella norma UNI ISO 45001:2018 si ripetono molti requisiti già presenti nel D.Lgs. 81/2008.

Perchè chiedere alle organizzazioni di rispettare VOLONTARIAMENTE alcuni requisiti già richiesti OBBLIGATORIAMENTE dal D. Lgs. 81/2008?

Questo argomento viene ampiamente trattato nel nostro corso per Auditor/Lead Auditor dei sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro (UNI ISO 45001:2018).

Riassumiamo il concetto in questo articolo.

La risposta a questa domanda è da ricercare nell’applicabilità della norma UNI ISO 45001:2018.

Essa, infatti, non si limita unicamente alle organizzazioni operanti nel territorio Italiano ma si rivolge a tutte le organizzazioni operanti nei Paesi membri dell’ISO.

Non tutti i Paesi, infatti, sono dotati di una normativa cogente precisa e completa come quella Italiana.

Quelli che per le organizzazioni italiane sembrano dei requisiti ridondanti, per altre organizzazioni sono gli unici punti di riferimento per una gestione della salute e sicurezza sul lavoro, efficiente ed efficace.

Io non parlerei, allora, di ridondanza ma più precisamente di <<Compatibilità>>.

Il grande vantaggio per le organizzazioni italiane che intendono implementare un sistema di gestione della SSL, conforme alla norma ISO 45001, è quello di essere soggette ad una normativa cogente italiana molto compatibile con i requisiti della norma.

Pertanto, in un’organizzazione italiana, che opera nel rispetto dei requisiti cogenti relativi alla SSL e che desidera implementare un sistema di gestione conforme allo standard ISO 45001:2018, parte del sistema di gestione è già implementato con i soli adempimenti al TUSSL.

Il TUSSL, infatti, ovvero il D.Lgs. 81/2008:

  • nellart. 15, tra le misure generali di tutela, contiene una vera e propria richiesta di adottare codici di condotta e di buone prassi
  • nellart. 30 attribuisce ai Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) una efficacia esimente della responsabilità amministrativa e riconosce come modelli di organizzazione e gestione della sicurezza idonei ad avere questa efficacia gli standard internazionali, nati con la norma BS OHSAS 18001 e che oggi trovano la loro massima espressione nella norma UNI ISO 45001:2018.

L’elevata compatibilità tra la normativa nazionale e quella internazionale non è unidirezionale ma trova conferma anche nella norma internazionale UNI ISO 45001:2018.

La prova si trova nelle ultime pagine della versione italiana dove è presente un’appendice creata appositamente. 

In essa, si spiega che alcune attività che già svolgiamo per la conformità alla norma nazionale, rispondono esattamente ad alcuni requisiti di questa norma e che, quindi, tutti coloro che risultano conformi al TUSSL sono già a metà dell’opera.

Una specie di amore corrisposto praticamente!

VUOI DIVENTARE AUDITOR/LEAD AUDITOR DEL  SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO UNI ISO 45001:2018?

Nel nostro catalogo corsi puoi trovare un corso di qualifica professionale in e-learning che abilita alla alla conduzione di audit di prima, seconda e terza parte sui sistemi di gestione sulla salute e sicurezza sul lavoro conformi alla norma UNI ISO 45001:2018.

Corso per Auditor/Lead Auditor del sistema di gestione sulla salute e sicurezza sul lavoro (40 ore)-IN E-LEARNING

Articolo di: Alessandra Mariano, aggiornato il 15 Luglio 2021

Scopri tutti i Corsi on line.
Accedi alla tua formazione su
Qualità, Ambiente e Sicurezza,
comodamente da casa o dall’ufficio.

Trustpilot