Il modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2019 - We Learn

Il modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2019

Il modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2019 è stato oggetto del decreto del presidente del Consiglio dei ministri 24 dicembre 2018 (in S.O. n. 8 alla G.U. del 22 febbraio 2019, n. 45).

Il nuovo modello sostituisce integralmente il modello precedente e va presentato entro il 22 giugno 2019 (e non più il 30 aprile come da consuetudine). Si dovrà utilizzare “per le dichiarazioni da presentare entro il 30 aprile di ogni anno” con riferimento all’anno precedente.

L’art. 6 della Legge 25 gennaio 1994, n. 70 recita che:Qualora si renda necessario apportare, nell’anno successivo a quello di riferimento, modifiche ed integrazioni al modello unico di dichiarazione ambientale, le predette modifiche ed integrazioni sono disposte con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale entro la data del 1 marzo; in tale ipotesi, il termine per la presentazione del modello è fissato in centoventi giorni a decorrere dalla data di pubblicazione del predetto decreto”.

CONTENUTO DEL MUD 2019

Il provvedimento è composto da un solo articolo e quattro allegati. In particolare, nel primo sono dettagliate le istruzioni per la compilazione del modello, a sua volta suddivise tra:

  • soggetti obbligati;
  • struttura;
  • presentazione;
  • comunicazione rifiuti semplificata;
  • sezione anagrafica;
  • comunicazione rifiuti;
  •  veicoli fuori uso;
  • imballaggi;
  • rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche;
  • rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione;
  • produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Nei successivi due allegati è riportata la modulistica da compilare, mentre l’ultimo riporta le indicazioni per la presentazione telematica del MUD.

INVIO TELEMATICO DEL MUD 2019

L’allegato 4 precisa che l’invio telematico del MUD dovrà essere effettuato esclusivamente tramite il portale www.mudtelematico.it. I soggetti dichiaranti che intendono, o che devono avvalersi di questa modalità di invio, debbono essere in possesso di un dispositivo di firma digitale (Smart Card o Carta Nazionale dei Servizi o Business Key) valido al momento dell’invio.

Le associazioni di categoria e gli studi di consulenza possono inviare telematicamente i MUD compilati per conto dei propri associati e dei propri clienti apponendo cumulativamente ad ogni invio la propria firma elettronica, previa delega scritta.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividine il link sui tuoi profili social.

Vuoi avere qualche informazione in più sui corsi per Lead Auditor dei sistemi di gestione ambientale e della qualità?

Contattaci via mail all’indirizzo info@we-learn.it e ti risponderemo prima possibile, oppure

VAI AL CATALOGO CORSI


Articolo di Spagnolo Marcella, 09 Aprile 2019

Scopri tutti i Corsi on line.
Accedi alla tua formazione su
Qualità, Ambiente e Sicurezza,
comodamente da casa o dall’ufficio.